Meeting demands

Meeting demands

The issue: What are the main challenges facing public bodies dealing with an ageing population and how can technology and telecommunications help to deliver innovative healthcare solutions?

Taking Part BTWhile wrestling with a £30bn funding shortfall, the NHS faces ever-increasing demand from the UK’s ageing population. Longer life expectancy means more appointments, consultations and operations. A depleted public purse, meanwhile, dictates that services are being delivered on a tighter budget.

Politicians of all stripes have pencilled their solutions to a seemingly impossible equation – and the future of healthcare, like immigration, will dominate pre-election rhetoric in 2015.
But, in the meantime, new uses of technology are emerging as a powerful force in driving efficiencies and improving the care of society’s older members.

More clever thinking, invention and adoption needs to happen, however, if the challenges of the ageing population are to be truly managed by health authorities. In search of answers, BQ brought together influential public and private sector representatives from across Yorkshire for a debate at The Royal York Hotel, York. A lively and passionate discussion began with delegates putting forward their major concerns about the health sector and the challenge of the ageing population.

Frank Griffiths, chairman, Leeds and York Partnership NHS Foundation Trust, highlighted the importance of recognising that health issues are interconnected with every aspect of an individual’s life, rather than just something to be dealt with as standalone problems. Therefore, he said: “Technology needs to respond to an extremely complex landscape that is changing all the time.”

Juliette Greenwood, chief nurse at Bradford Teaching Hospitals NHS Foundation Trust, explained how technology in recent years had helped to move more patient care into the community but warned that: “We have a lot to learn. When we talk about technology as
a solution, we have to think about the patient experience and their expectations. Technology should not hinder or be adverse to good experience.”

Mark Chamberlain, regional board member, BT, underlined technology’s role in ensuring that patients are only sent to hospital when they truly need to be and, otherwise, have their care needs met adequately at home.

Andrew Radi, group CIO, Benenden Healthcare Society – a health and wellbeing mutual community – asked how technology could be used to improve early diagnosis and bring about better outcomes.

Michael Sweet, non-executive director, York Teaching Hospitals Foundation Trust, suggested that telemedicine had not yet lived up to its potential because of “resistance from large parts of the medical fraternity”.

He also said poor connectivity in rural parts of Yorkshire meant district nurses “are working with one hand tied behind their back” in serving their local communities.

Bob Gomersall, founder of Shipley based e-assessment and e-learning firm BTL, lists patient support apps and online training among his company’s healthcare interests. He drew parallels between the way the education sector has been revolutionised by “exposing large numbers of people to individual experts” via technology to the type of transformation needed in healthcare.

“The [technology] is clearly disruptive and we need to work out how to organise ourselves in getting people to accept these services,” he said.

Mark Fordyce, managing director of internet service provider and IT business York Data Services Ltd, warned: “The big problem we have going forward is being able to utilise the technology that’s there, to deliver more solutions. Enhancing what’s already there and enabling us to create better care services is the bit we have to get right.”

Cindy Fedell, director of informatics, Bradford Teaching Hospitals NHS, suggested that new healthcare service innovations must account for the fact that patients from different generations and backgrounds had varying degrees of technical knowhow.

Against the context of scarce NHS funding, Trevor Higgins, regional partnership director, BT, said: “My aim would be to see how we can get the universities to use their research
to develop products that SMEs can deliver to the market.”

This was backed up Dr Liam Sutton, head of knowledge transfer at the University of Bradford, who added: “The role of the university is to create new ways of doing things and to bring those innovations through into commercial relationships with partners for the wide scale deployment of technology. It’s also about training the next generation of the workforce and getting people with the appropriate skills to patients.”

Live BT 02

Colin Philpott, chief executive of Bradford Breakthrough – a networking and lobbying group representing Bradford’s public and private sector organisations – suggested that technology in healthcare is not just for the sick: “What about people who haven’t necessary got an identifiable condition, but are just old and perhaps also lonely. What can technology do for them? It often seems to me that for people who have some sort of identifiable problem there is a system in place in dealing with them. But how can we help people who don’t fall into those categories?”

Colin Mellors, deputy vice chancellor, York University, explained why he believes cultural and behavioural changes are crucial in enabling technology to fulfil its role in future healthcare. He added that new innovations in healthcare should tick three important boxes.

“Does it reduce unnecessary demand? Does it make for more effective and efficient delivery? Does it improve the patient experience?”

Next Ian Williams, business lead, Leeds City Region LEP, said small businesses might play an increasingly important role in tackling the challenges of an ageing population. But, he added: “There’s a great desire amongst many large public sector organisations to work more locally, but some small businesses have great difficulty meeting public sector standards. So there is an issue around procurement.

Meanwhile Professor Clive Kay, chief executive, Bradford Teaching Hospitals Foundation Trust, predicted that the NHS in future would be a “total network of care” and less disjointed than currently. But he warned: “We will be providing a single system network and it’s up to the IT community to make sure that there is no waste. Currently we are haemorrhaging money out the system because none of it is joined up.”

BT’s director of strategic operations David Furniss, whose role covers BT’s global government and health division which delivers services to the public sector, underlined further barriers preventing technology from driving change in healthcare. He warned that devices dependent on being self-managed by patients failed to service certain factions, including people with dementia. He also suggested that fear of failure, an overreliance on pilot projects and a lack of joined up thinking between institutions was hindering meaningful innovation in the health sector.

“There seems to be risk aversion stemming from the search for conclusive evidence,” he said, before asking: “How do we adapt funding models so commissioners are able to invest in these things and drive benefits down the track?”

He also highlighted the need for councils and the NHS to work more collaboratively in tackling health and social care issues. “If we work in isolation we are not going to be capturing the problem,” he said.

Furniss also explained that implementation of new technologies and methods would have to run in parallel with the existing system, since “10% of the population will remain digitally excluded in perpetuity for a variety of reasons”.

Live BT 01

But Bob Gomersall was more optimistic about the universal take-up of health-related technologies and applications. He also disagreed that there are too many pilot projects within the NHS. “I think the trend is very much towards easy adoption by everybody. If you look at the vast numbers of people who started using tablets who didn’t use PCs before as an example and the fact that the next generation [of devices] will be so intuitive.”

“[Innovation] tends to evolve rather than be centrally planned. It’s impossible to plan from the top because you don’t really know what’s going to happen, you just have to let it evolve. So I think there will be a lot of more experiments and pilots and some will succeed and a pathway will be found.”

Returning to the crucial issue of funding, Mark Fordyce said: “I think the problem that arises around large-scale projects for the NHS is that we tend to lose momentum when large amounts of funding are involved. It becomes less about the project and more about spending the funding. But private enterprise just happens and doesn’t need governments to help. Enterprise will just go on and get it done. Yes there are a lot of failures, but that’s the nature of enterprise.

“When we go down the funding route, it’s under the glare of everybody. So therefore failure becomes something to talk about.”

Frank Griffiths: “The assumption is that NHS organisations around this table will over the next five years contract financially by 4% per annum. I don’t know where in the private sector you have organisations doing that and not only surviving but also being successful in that period. On one hand I want to support and encourage local innovation and empower our hospital clinicians to try these things and see if they make the quality of experience better. But this is against a background of an unparalleled resource squeeze.”

Mark Fordyce: “But don’t pressures and budgets actually force change and force us
to develop innovation?”

Clive Kay: “What I think has been missing is how we can learn from local delivery systems that are different around the country quickly and seamlessly. Taking several years to learn from the best is not sustainable. There must be an IT solution that allows us to learn from the best.”

Juliette Greenwood suggested that the “voice and power of citizens” could fuel such a speeding up of the best innovations being adopted nationally.

“I’ve seen how the use of technology in the home, joined up technology within primary and acute care, can take somebody from having an admission every month, to maybe one a year. That might be aspirational but it is happening in places. The passion of that individual telling me how they were self-managing themselves using technology is something that we somehow need to harness.”

Tom Keeney: “I think there’s always a fear of change but for some of these ideas to stick they can’t just be perceived by the public as being about cost. They’ve got to be about something better that can replace what’s there at the moment. There’s an education process and an engagement process that we need to go through and creating a vision making it compelling is important.”

In bringing innovations and technology for the aged into healthcare, Andrew Radi said his firm had found success by keeping processes slick and simple. But, looking to the longer term, he admitted that engaging younger people in tech-driven areas like self-diagnosis was proving a major challenge.

“How can we get technology working with young people to actually save problems further down the line and get them interacting with self-diagnostics?”

Colin Mellors: “To change behaviours you need two things – to demonstrate self-interest and to make it easy. It’s about introducing a technological interest which is clearly going to make something more effective, rather than it just being imposed on people”.

Live BT 03In terms of specific innovations that might improve healthcare, Liam Sutton pointed to a more integrated delivery of different kinds of health provision. “The idea is that the patient has a consultation, perhaps through some sort of telehealth contact, and gets advice on several issues all at once, whether they are a medical, social or lifestyle related”.

Colin Mellors agreed, explaining that “the elderly can be treated brilliantly for discrete things but the problem is that they often feel they are not been looked after generally.”

Next, Colin Philpott suggested that, while technology is a part of the solution to the NHS’s budgetary challenges, a more simplified healthcare landscape would also help. “I think the real answer is that we’ve got too many organisations involved in the sector,” he said.

Then Frank Griffiths and Mark Fordyce both suggested inspiration from digital trends, particularly among younger people, could also improve the use of technology in healthcare. Fordyce added: “When the internet was born many years ago, it started off as just being a network, then we had two networks and then it became an internetwork. Initially we would pay each other to share our traffic but then one day we realised it was mutually beneficial to not charge each other, because my customers would see your content and vice versa. If we could adapt even a quarter of that essence to deliver similar solutions, we could solve our problems overnight. Technology is not the problem, people and governments are the problem. This is why we need to come up with a way of maybe localising it to spot the best way forward. When it’s just one huge entity, it becomes an almost impossible task and it is set up to fail.”

Cindy Fedell: “But I think healthcare by its very nature is risk averse and controlled. We manage people’s health and nobody is willing to let that go. Technology is on the other side and until we are willing to let healthcare be a free market – I don’t mean privatisation but complete freedom - the two are never going to drive properly. We are always going to be trying to manage our own technology.”

At this point Trevor Higgins reminded delegates that not all transformational use of technology in healthcare and wellbeing needs to be complicated. “It just has to be used right to make things better for people,” he said, citing the example of a project launched recently which simply encourages volunteers to have regular phone correspondence with elderly people who live alone.

The issue of greater devolution to Yorkshire and other northern areas looms large over most sectors and, as mentioned by David Furniss, healthcare is no exception. One positive result that might come out of the fallout of regional clustering, might be better sharing of data between health and social care-related bodies, he said.

Michael Sweet then addressed what he sees a major failing of the current use of new technologies in healthcare. “The type of things we’re talking about today are for the wealthy well, who are the people we don’t need to worry about so much. So how are we going to actually get these things down to the grass roots? I believe we do require national strategy to make people aware of their own health.”

Juliette Greenwood: “There is a really interesting drive towards personalisation and people taking responsibility for themselves and in healthcare we have to adapt to that.”

But overall there seems a lack of strategy in terms of dealing with the challenges of the ageing population, according to Ian Williams. “I’m hearing about all the things we can deliver, but what is the end game? What is the goal?”

Mark Fordyce: “I think the aim should be to share knowledge [and] then we can capitalise on it. We tend to work in silos in this country and often don’t see what the person over the fence is doing. But they could be reinventing the exact solution we’re after.”
Cindy Fedell: “I don’t think we should define the endgame because it will always evolve and you can’t predict what is going to happen.”

Perhaps not a single goal then, but a series of major ‘to do’ items is required. Among them, suggested Colin Mellors, is to find a way of making sure “people are not simply recipients of the health service but are participants in the health service”.

He added: “Can we use technology to address the other side of the problem not just the scarcity of resources and get people to take responsibility for themselves?”

Certainly Liam Sutton believes this is possible, given the increased demand for people to take ownership of their own data: “People want to own their data, and morally they should do, and people are becoming more savvy about this. None of us can predict the future but sure it’s going to have an influence on whether technology can get things right.”

Tom Keeney: “There are definitely examples of this emerging. A few years ago you wouldn’t have tracked how many steps you took in a day or your blood pressure but
these things are becoming the norm for the younger generation through apps and wearable devices.

Juliette Greenwood: “Social media, apps and games are influencing people to change their habits and I think we’ve got to look at how we can capitalise on things like that.”

David Furniss explained how this is also influencing consumer facing businesses to respond to the increased amount of data they have about their customers. For example, he said, supermarkets are using online shopping data to develop recipes which are lower in
salt to market their own brands.

As the debate neared conclusion, it was agreed around the table that many other uses of technology to improve the wellbeing of the ageing population would continue to spread throughout Yorkshire and the UK in the coming years.

Some are simple – such as the screening of archive films to help people with dementia as championed by Colin Philpott – and others more complex, involving data, telepresence and diagnostic technology.

However, what also emerged from the debate was, in the face of tight budgets, the need for more collaboration between organisations within and beyond the healthcare sector and spanning regional borders.

But Tom Keeney ended on an upbeat note, saying: “15 years ago we were talking about online banking and shopping as things we weren’t sure about. Hopefully in 15 years we’ll talking about cracking something else with technology because we’ve managed to fix healthcare’s issues.”

×

Subscribe

Our BQ Bulletin emails will land in your inbox at 7.30am, Monday to Friday, with a mix of the latest local business news, national news, and features to inspire you. Sign up here!

User registration

Gentile Utente,
ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei comunicati al momento della registrazione sul Sito e della compilazione dell'ordine saranno utilizzati da al fine di svolgere le operazioni da Lei richieste. I dati da Lei comunicati saranno infatti inseriti in un archivio anagrafico clienti al momento della prima registrazione sul Sito, con digitazione di un codice identificativo ed una password che dovrà essere da Lei conservata ed utilizzata per le successive operazioni

I dati forniti saranno trattati direttamente da per le seguenti finalità:
- per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo inff@mail indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è - per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo info@bqlive.co.uk indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è

Fields marked with an asterisk (*) are required

Click here to read our privacy statement