History Man

History Man

Latvian Prime Minister Valdis Dombrovskis has overseen a rapid restructuring of a stricken economy and geared it towards production and export-led growth. Colin Donald met the premier ahead of his nation’s momentous switch to the Euro

The Prime Minister of the Republic of Latvia is a plain dealer who shuns the PR hype surrounding most European leaders, but earlier this year his aides thought that a fanfare was in order.

In August, they issued a statement to celebrate the accession of Valdis Dombrovskis as the country’s longest-serving democratically elected prime minister, his 1,633 days in the job surpassing the premiership of Ivars Godmanis (1990-1993). The statement praised the “sound financial management and reforms which have re-structured the economy to develop production and exports”.

“Latvia has had the highest growth rate of the economy in the European Union for two consecutive years.” It continued. “An economy based on real estate deals and consumption [has been] replaced by a production and export-driven economy.”

But the crowning argument for Dombroskis as history-maker, the statement concluded, was his “attainment of the criteria set out in the Maastricht Treaty and accession to
the eurozone”.

The PM’s main legacy, it was suggested, will live on in the wallets and purses of Latvians from 1 January next year, when citizens start
to trade in the same coinage as fellow-Europeans from Estonia to the Algarve.

It is typical of Dombrovskis to headline an achievement that he believed was necessary rather than popular.

Because Euro accession is not popular. A sizeable majority of Latvians remain uneasy about abandoning their currency the Lats, the post-Soviet banknotes watermarked with Milda, the legendary maiden who personifies the nation’s hard-won independence.

Given the disasters that have threatened the European currency, this was a courageous choice. Finessing all the complexities to make it happen is among the most extraordinary feats of leadership of Latvia’s battle-hardened 44-year-old premier.

With Latvia on the verge of the big switch, BQ met Valdis Dombrovskis in his pine-lined study in the state chancellery in Riga, to discuss what he calls the “why and the how” of his coalition government’s momentous decision to throw in its lot with the Euro.

“For business I would say [Euro accession] is mainly a winning situation, also for consumers. We are a small and open economy, we do about 70% of our foreign trade in Euros, it means that we are spending lots of money in currency conversion, and all those currency conversion costs [estimated at an annual €70m] will disappear.”

“Also joining the eurozone will bring lower interest rates, in fact some accrediting agencies have indicated that they will be improving our credit rating, as they see joining the Eurozone as a positive factor.”

PM CopyDombrovskis is also warning Latvian businesses not to exploit the complexities of the switch at the expense of the consumer. The switch will involve a two week period of “parallel pricing” in which both currencies are acceptable (with change given in Euros), followed by a three month period in which Lats can be exchanged for Euros at post offices and banks. In a folksy reassurance, he says that if in the future “renovation or relocation” they discover a forgotten horde of Lats, these can be exchanged at the Bank of Latvia “with no time limit”.

Popular opposition is strongest among older, especially Russian-speaking parts of the population, where people have lost out in previous currency switches. They are less inclined to value the benefits of a European currency – and suspicious of the political-business elites who extol them. Latvian nationalists are also wary.

“We have already signed – and now it’s open for businesses to join – an agreement on the fair introduction of the Euro where businesses commit to changing prices according to the existing exchange rate and will also not make any manipulations with the rates.

“I would say business is quite positive about this initiative. We are doing it together with the Employers Federation and the Chamber of Commerce and already a number of important businesses have signed, for example the Food Traders Association, which contains the main supermarket chains and two oil products traders organisations which cover almost all filling stations and so on and so on.”

The real “risks” for business in the switch, he says, deftly lining up his government on the side of ordinary Latvians, is a reputational risk for businesses themselves, should they be caught trying to pick the peoples’ pockets.

“As agreed by Ecofin [the EU financial directorate] - the exchange rate according to which rate Latvia will join the Eurozone - 0.702804 Lats is one euro” he says. Characteristically he recites the decimal points from memory.

“Of course in a market economy, the state does not regulate prices, so [adapting the agreed exchange rate] is voluntary, but we will be more or less naming and shaming companies who do not comply, and also during this transition period both the Consumer Protection Centre, and Competition Council will also work intensively to check that there is no manipulation.“ But far more significant in Latvia’s debate over the Euro than the prospect of being done out of a few centimes on a bag of tomatoes or a tank of petrol, is the prospect of Latvians being required to participate in the possible future bail-out of one of the Eurozone’s stricken giants. Dombrovskis has priced in this scenario.

“The real risk in joining the Euro is for the state. It’s not so much a risk, it’s more an expense, the sense that we will have to contribute to the European Stability Mechanism, and that’s certainly an expense to the state which we have calculated. When we were communicating this reasoning of joining the Euro we also showed this expense, but showed it being offset by all the positive factors through more investment in Latvia, reduced currency costs, and lower interest rates. Those positives far outweigh the cost of our contribution to the ESM.”

After all that has occurred to undermine the credibility of the European currency, Valdis Dombrovskis is arguably the only living politician capable of selling a policy of Euro entry as a safe, sensible option.

Presenting himself as a solid technocrat, who has risen above the squabbling and short-termism of Latvian politics to lead a right-of-centre coalition of Unity, Reform and National Alliance parties, Dombrovskis’ political longevity stems from his formidable horse-trading skills, and phlegmatic, somewhat dour, practicality which made him the right man at the right time in Latvian history.

A trained physicist as well as an economist, his dogged ability to analyse and prioritise problems, plough through obstacles and blank out criticism have been recognised. He has his critics, but none have convinced Latvians that they could have handled economic disaster more competently: “If you have as deep an economic crisis as we had in 2008-2009 there is no easy way out,” Dombrovskis tells me. “So if anyone wants to criticise something, there will always be something to criticise, that is quite clear.”

This of course was no ordinary crisis. Latvia suffered the worst financial crash in Europe in the 2008-9 crisis, with 18% of GDP being wiped out, necessitating a 7.5bn international loan. After brutal austerity, which accelerated the country’s perennial net emigration crisis (now slowed but by no means stopped), Latvia is now, at 4.1%, the fastest growing country on the continent.

It is a remarkable turnaround, all the sweeter to the PM for having been accomplished in defiance of the international commentariat, led by the influential US professor Paul Krugman, who insisted that Latvia must devalue its currency rather than conduct an internal devaluation. The professor has not taken kindly to the Baltic resurgence that has occurred in defiance of his Keynsian  theorising. Dombrovskis, whose evenness of tone and temper can verge on the monotonous, comes closest to displaying real animation when talking about Prof Krugman, who notoriously described Latvia as “the new Argentina” destined for bankruptcy. The Latvia v Krugman prize fight looks set to continue for a few more rounds.

“It’s quite clear that Paul Krugman was wrong about Latvia’s economy” Dombrovskis says.
“He was wrong since he first start to commentate in 2008 and has not been able to accept that he was wrong. Instead he keeps looking for what is wrong with Latvia!”
“If you look at his economic analysis, it’s either flawed or unfair. He takes Latvia’s pre-crisis trend and says that because economic development did not continue in the pre-crisis trend, Latvia’s economy should be so much bigger than it actually is.

“But the big question is if Latvia’s economic trends were sustainable during the pre-crisis levels [Latvia grew by 12% in 2006]. The amount of credit in the economy between 2005-2008 increased four times and the current account deficit rose to more than 20% of GDP, there was a huge real estate bubble, a construction boom, with double digit inflation and despite double-digit growth an unbalanced budget and so on. It takes a big effort to describe this as sustainable development. It was clear this was a bubble and that it was a bubble that burst.

“So if someone looks at the peak of this and then says that ‘if you continued like this you would be much higher than we are now’, it’s just the wrong way of thinking about economic development.

“Krugman seems to be trying to deny that Latvia’s economy was overheated before the crisis and that’s something again so obvious that I would find very few economists who would argue it. The IMF for example said it was overheated by 10% of our potential output.
So if you have 10% of GDP fall, you are just at the potential before the bubble. But now we have had more than 20% fall, and we have had more than 10% increase, and now we see our economy at more or less its potential and starting to grow slowly above that.”

To some critics, such re-fighting of controversial crisis-era decisions helps make the case for a fresh chapter to be opened for a new phase in Latvia’s recovery. They consider the PM a political artist and compromiser more adept at preserving the coalition who would prefer to delay than instigate the growth policies necessary for growth. To these reluctant critics, the Dombrovskis regime is past its sell-by date. Latvian politics are notoriously unpredictable, with new parties tending to spring up shortly before elections, so it may be that others will appear next year to build on his Euro accession legacy. As things stand, the lack of convincing alternatives, and perhaps vestigial gratitude for his calm in the eye of the storm, give Dombrovskis a decent chance of being re-elected in October 2014.

“Dombrovskis is not a charismatic leader, and he knows it” one of his cabinet colleagues tells BQ. “But Latvia has had charismatic politicians in the past who have turned out to be scandalous in one way or another. He has focused on seeing through Euro accession
first, then on getting through each month of political upheaval.”

Naturally the PM doesn’t agree with the charge that he is running out of steam pointing to the Government’s National Development Plan, a 30-page, seven-year routemap to “economic breakthrough”, built around the triple themes of developing and retaining human capital, transforming the economy, and developing Latvia’s regions.

Typical of Dombrovskis, critics say, when asked for a national vision, to point to a turgid bureaucratic paper designed to draw down EU cash. Yes, say his supporters, but it was the “visions” of the leaders who screwed up the country in the last decade that led Latvia to near-ruin. Better a prime minister who fixes problems rather than one who inspires visions.
Even if Dombroskis may not be the best front man of the drive to make the Latvian economy more competitive, although he is prepared to try new initiatives, such as the convening of a ‘Latvian Davos’ in Riga earlier this year, in which expatriate leaders offered solutions to the country’s intractable problems.

Meanwhile he is set on reducing labour taxation, tidying up the delay-prone legal framework that deters overseas investment, matching skills and the education system with the labour market, and tackling the “huge demographic problem” of a nation that has seen a steady exodus of young, educated Latvians during its lifetime, a trend which accelerated sharply in the recent crisis.

“Quite clearly all indications are that we are heading towards a serious labour shortage, and its going to affect aspects of our economic development. It is also clear that not all our people will return, and we have to find a way to work with those people to use their potential for the benefit of Latvia. The idea of the ‘Latvian Davos’ – you can take that title with a pinch of salt – was to bring business leaders from across the world to seek synergies themselves and mix with Latvian business to see what they can do, also how they can help Latvian economic development. We want this to be a regular event, it’s an excellent initiative and should be followed up.”

“We need to work in both directions. One thing is the immigration plan which I see still as a supplementary instrument linked with general economic development and job creation.
“We are trying to create specific incentives for people to return, which they will if there are decent jobs waiting for them. One of the ideas is that we should advertise job opportunities
in Latvian throughout the diaspora, and see if they are interested in taking up those jobs.”

On the subject of job prospects, I ask Dombrovskis if he intends to emulate the
British prime minister, Margaret Thatcher, who famously declared that she would “go on and on” when the electorate started to go cool on her.

Predictably, the PM replies, that his future is “in the hands of the voters”, and that he “doesn’t exclude the possibility of running again, and if the people decide [to re-elect me] I will continue”.

But he then makes a revealing comment. “There has been some speculation about some EU position and that remains to be seen”.

As it is unusual for a serving politician even to hint at an interest in another job, this may be the clearest sign to date that ambitions lie beyond Latvia, perhaps in Brussels, where he served as an MEP from 2004-2009.

Despite the immediate modest qualification that he “doesn’t think it’s a very high probability”, raising the question unprompted is a politician’s way of throwing his hat in
the ring.

BQ takes this as a confirmation of sorts, though it is not clear as to whether the role he sees himself is a commissioner, or even as a compromise candidate to succeed EU President Jose Manuel Barroso.

Why not? Being from a small member country can be an advantage in Brussels power-politics. In Dombrovskis’ case, his record in office and his international reputation place him in the frame.

This impression of a young prime minister pitching for a second career is not dispelled by his orthodox pro-Brussels hard line on the ‘impracticality’ of repatriation of powers and other checks on the increased power of EU institutions. As a government press release tacitly pointed out, Dombrovskis is a great survivor.

After all the shocks and disappointments that accompanied the great crash of 2008, anyone who values political courage, competence and determination to mend a broken system will be happy to see Latvia’s history man on a wider stage, tackling a wider set of problems.

Youth no barrier for this Riga riser

Although extraordinary by international standards, the rapid rise of the still-youthful Mr Dombrovskis is slightly less unusual in Latvia. A country with two million inhabitants, a political landscape marked by ethnic divisions and, on the Latvian-speaking, rapidly-changing small parties, where younger, Western-educated politicians easily achieve rapid promotion.

Born in Riga to a family with Polish roots, Dombrovskis was one of the smartest of a generation of young technocrats, trained in physics and economics in Germany and the US. After rising to chief economist at the Bank of Latvia, he was tapped by his political mentor Einars Repse, founder of the centre right New Era party, to be finance minister at the astonishingly young age of 31, serving in that role for 16 months. In 2004, he moved to Brussels where he spent five years as an MEP.

Absence from the scene during Latvia’s ill-fated “Baltic tiger” bubble period was to prove a boon when in March 2009 he was persuaded to give up the relatively cushy (and better paid) job to be drafted in to lead the coalition in its darkest peacetime hour. Few at the time expected him to achieve the dominance he ultimately has.

Nicknamed “teddy bear” by a lady MP in a possibly ironic comment on his somewhat stiff public persona, he has nevertheless proved an effective communicator, remaining ‘on message’ while bulldozing his way through any opposition to his plans. Intensely private – his wife rarely appears in public – he has a reputation for scrupulous honesty and frugality in a country where oligarchic influence has made the public cynical about politics and politicians.

The prime minister’s skill set allowed him to pilot Latvia through the crisis, executing the hugely painful IMF-dictated prescription for national recovery with brutal clarity and focus. He even found time to co-author a book about the experience - How Latvia Came Through the Financial Crisis - alongside Swedish economist Anders Aslund.

×

Subscribe

Our BQ Bulletin emails will land in your inbox at 7.30am, Monday to Friday, with a mix of the latest local business news, national news, and features to inspire you. Sign up here!

User registration

Gentile Utente,
ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei comunicati al momento della registrazione sul Sito e della compilazione dell'ordine saranno utilizzati da al fine di svolgere le operazioni da Lei richieste. I dati da Lei comunicati saranno infatti inseriti in un archivio anagrafico clienti al momento della prima registrazione sul Sito, con digitazione di un codice identificativo ed una password che dovrà essere da Lei conservata ed utilizzata per le successive operazioni

I dati forniti saranno trattati direttamente da per le seguenti finalità:
- per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo inff@mail indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è - per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo info@bqlive.co.uk indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è

Fields marked with an asterisk (*) are required

Click here to read our privacy statement