In the tramline of fire

In the tramline of fire

Richard Jeffrey is a get-things-done engineer to his finger-tips. So how does he deal with the trauma of the Edinburgh Trams? Kenny Kemp finds out.

Richard Jeffrey is a business leader in the firing line. Nearly two years ago, he took up his position as chief executive of TIE Ltd, the arms-length project management company tasked with building the tram system in Edinburgh. He anticipated at the beginning he would be in the frontline of this half-a-billion pound battleground, yet have the bombshells been harder than he thought? Now there is a truce.

At the time of preparing this article, TIE and the major contractors, the BSC Consortium – representing Bilfinger Berger, Siemens, and CAF – are in mediation to resolve a running sore that has knocked Scotland’s confidence in its own ability to deliver major public and private projects on time and on budget. With a proposed new Forth crossing now on the cards, there is an imperative to ensure that fundamental lessons have been learned about project management and procurement and about preserving Scotland’s reputation.

The Edinburgh Trams project provokes extreme reactions from normally placid individuals. The whole saga has unleashed a vituperative public response fanned by point-scoring politicians and a drooling local media who have found a cause more mouth watering than banker bashing. A “Blame the Bloody Trams” brigade has become the 21st century version of the Edinburgh Mob – the unruly hoi polloi who once roamed the Old Town in the 19th century. Currently anyone prepared to suggest our congested capital needs a modern public transport network is inviting a haranguing. Yet there can be little doubt that if Edinburgh is to maintain its position as a cultured global capital, the city requires a transport system on par with most major European cities.

What is often forgotten is that the argument is not simply about transport but is fundamentally about the economic development of our capital city and ensuring that Edinburgh is ready to support the necessary commercial growth in the next ten to 20 years. Jeffrey and his team in Edinburgh have persevered. But the dispute with the contractors has resulted in the stoppage of all track-laying while mediation goes on. Edinburgh’s denizens, infuriated by the disruption, have had a lengthy temporary breather. At the time of writing there is not yet word of when major work is likely to resume, although significant work continues in some areas, such as the setting up of the new tram depot at Gogar Park. Without prejudice, BQ Scotland wanted to find out how a business leader such as Jeffrey was able to handle the extreme wall of criticism and yet keep a focus on the end result. Sitting in his TIE office at Haymarket in Edinburgh, silver-haired Jeffrey concedes that life has been a whole lot harder than he could possibly have imagined.

But, as an engineer, he says he is used to complex challenges, and that it isn’t in his DNA to throw in the towel and walk away. A welcome reinforcement has arrived in the shape of TIE’s new chairman, Vic Emery, a troubleshooter who understands engineers and who turned around the fortunes of the Clyde’s shipyards running BVT Surface Fleet. Sue Bruce has also now arrived in her post as chief executive of Edinburgh City Council and she brings with her her own very credible track record. So did Richard Jeffrey know running TIE was going to be such a hot potato? “Yes, I did,” he says.

“Interestingly, having had exposure through my business and commercial life with major strategic projects.” Jeffrey has a strong backbone for the job in hand, but acknowledges that the disputes and the constant negative backlash has been energy-sapping. He says: “Does it affect us? Yes, it does. And of course it affects everyone else too. Internally there’s a lot of pride in the people working here. They don’t like coming into work and reading or hearing stuff that’s highly critical.

“Certainly we can’t hide from the situation we’re in – and we are facing up to this. When I talk to the team it is about resilience as a core skill. We have to see this project through to the end and to do the right thing for the people of Edinburgh.” Richard Jeffrey has had a significant career, including an appointment as managing director of Aberdeen Airport at the age of 33, and he sees no reason why the trams should not be successfully delivered. By instinct, his default position is to fix things. He agrees that the contractual impasse requires resolution.

“Mediation is the sensible thing to do at this stage,” he says. “It can be quick. It’s not a detailed forensic examination of who is right or who is wrong. It’s a willingness for both sides to move forward constructively, and set aside the past.” Richard Jeffrey always wanted to become an engineer. He was born in Staffordshire, and as a studious teenager he was an avid reader of engineering magazines explaining how major new roads, bridges and hydro dams were built and their impact on society. He was outstanding at maths and studied at Imperial College in London, where he gained first class honours in 1987. His thesis was on the vortices caused by rivers flowing around bridge piers. He joined British Airports Authority – the new airports plc – as it was going through its privatisation.

It was headed up by the civil engineer Sir Norman Payne who died in February last year aged 88. Payne had designed Gatwick Airport and a fresh-faced Jeffrey worked on the Gatwick North terminal and, as low-cost air travel began to boom, on Stansted, designed by Norman Foster. “I started my career as a site engineer working on several airport projects,” he says. “What was interesting for me was that I became rather disillusioned with the lack of professionalism in the UK’s engineering industry at that time. It was backward-looking, the methodologies on site were poor and this led to contractual disputes and shutdowns.” He says it was the visionary Sir John Egan, the former chief executive of Jaguar Cars, who joined BAA as chief executive in 1990 that brought about positive change.

Egan’s Rethinking Construction, which was a landmark report commissioned by the Labour Government, helped improve people and processes and drive efficiencies in large construction projects. “What Egan’s report showed was that construction projects didn’t have to be like this,” he says.

“He singled out leadership, integrated processes and teams, and a drive for quality. There’s the thorny old project management joke about the five stages of a project. First, optimism and euphoria; second, disenchantment, third, search for the guilty; fourth, punish the innocent, fifth, reward for the uninvolved. Actually, there’s a lot of truth in this, and I’m sure the trams project will be no different.” There is another irony for Jeffrey. His career with BAA took him to Pittsburgh for a year, then into the airport’s international business development division, working in Naples on a drive to modernise the city’s airport.

He was based at BAA’s Victoria HQ in London, flying to Italy, and commuting in from his cottage in Dorking which he shared with his wife Liz who works in property development. Then he was asked to handle a potential joint venture in South Africa.

He was sent to negotiate with the new Rainbow Government about the privatisation of a group of airports. In 1995, he travelled to Johannesburg with Bill Morris, the former head of the T&G union, where they held discussions with the former transport minister Mac Maharaj, an ANC member, a prison-mate of Nelson Mandela in Robben Island, and with former president FW De Klerk.

“We were there to take a 30% stake and explain how the privatisation of public sector airports had been successful in the UK,” says Jeffrey.

“Bill Morris was there to talk about how it benefited the trades union. Here, we sat with politicians who had once had visceral hatred of each other, purely because of the colour of their skin. Now they were working together for the good of the nation. They put aside a lot of their baggage.

“The whole point about the Truth and Reconciliation Commission in South Africa was there was closure. It didn’t mean ignoring or forgetting about the past, but it meant moving forward to a new level. Mac told me that it was difficult for the politicians because the people wanted freedom and all they could offer was democracy. He’s also famous for saying ‘revenge should not be our motivation’.” In the end, BAA lost out on the contract, but for Jeffrey, still in his thirties, it was an experience that has kept a sense of perspective when dealing with the trams.

“I’ve always been of the mind, ‘How do we solve this?’ which I think is solution orientated,” he says. “Rather than, ‘who’s to blame and let’s string up those who have got us into this’.” Jeffrey is keen to see further discussion on the execution of publicly-financed projects in Scotland and believes there needs to be a new way forward.

“The public sector does not always appear to have a learning culture on major projects,” he says. “In recent years, in a plc where there are shareholders demanding results, you accept that when things go wrong, you apply measures to ensure such things don’t happen again. In the public sector, this does not seem to always be the norm.“ Jeffrey undertook a senior business management course at London Business School and had as a mentor Russell Walls, the BAA finance director. Armed with corporate finance skills, he was asked to run an airport. Jeffrey took up his post in Aberdeen, becoming the youngest manager in BAA. In December 1998, oil was a low $8.64 a barrel and the airport’s North Sea oil and gas business was declining with helicopter flights down. Marginal oilfield activity wasn’t worth the financial return. Passenger numbers were also in decline. “We had to put a lot of effort into cost control,” he says. When he moved on 21 months later, the oil price was heading up to $30 a barrel, airport revenues were up and so were general passenger numbers. BAA had a bigger job for him and he was asked to take on the job of managing director of Edinburgh Airport.

“I loved working in Aberdeen,” he says. “There were a lots of experienced people there who helped me find my feet as a managing director, but I was keen to take on the challenge in Edinburgh which was going through a major redevelopment programme with a 25-year master plan, with new piers to the south-east, extension to the taxi-ways, new car multi-storey parking, expanded retail and a new control tower.

“I had a fantastic time at Edinburgh Airport. We invested more than £200m in modernising the airport and expanding the facilities. In the six years at Edinburgh, we doubled the number of passengers from five to ten million and made it highly profitable.” Then came a crunch. He was offered a job in Melbourne working with the consortium Australian Pacific Airports Corporation (APACS), in which BAA was a partner and had 22 million passengers a year. This entailed a frank discussion with his senior figures at BAA. But Jeffrey, by now embedded in the corporate business scene in Edinburgh – elected president of the Chamber of Commerce and active in the city’s tourism forum – decided he wanted to stay in the capital.

He says: “I’d just completed 20 years with BAA and six years with Edinburgh Airport. It was the right time to move on. I’ve always been someone to preach that people should go off and develop their careers in other jobs, and I was the one sitting there staying still.” So he left BAA in 2007, still only 41. He considered a portfolio career but found that he was working on international airport projects outside of Scotland. He joined Babcock & Brown, an Australian advisory and consultancy, who were looking to expand their investment portfolio in Scotland but were hit by the economic crisis and eventually ended up in liquidation in 2009. Jeffrey was headhunted to take on the trams project for the City of Edinburgh Council.

The Scottish Government approved the project and the funding, but Edinburgh faced extra costs as a faltering project faced delays and over-runs on budget. The then chairman David Mackay, the former head of Menzies and a well-respected Scottish business figure, was keen to have a respected engineer like Jeffrey on board, so he agreed to step into the frontline on May 1 2009. Mackay resigned in November last year. There was no honeymoon period for Jeffrey and he refuses to be drawn on what were the major problems when he arrived.

“The challenge is not following into the trap of saying, ‘Oh, that’s not the way it should have been done’,” he says. “We don’t come to work to have disputes. Those who like working on projects understand there is a natural ebb and flow which makes the work more engaging. There is a big difference between running a day-to-day business with a profit and loss account and a strategic construction project. One of the big things a project has going for it is a momentum which takes you through the ups and downs. The Edinburgh Trams project has never been able to build up that kind of momentum. It’s been stop-go, and that has an impact on the morale of everyone. There are a lot of economic benefits in terms of employment when everything is working.

It’s in no-one’s long-term interest to have this project stall.” Does he take it personally? “It’s not escaped me all the venom and personal abuse,” he says. “On the other hand, it goes with the territory. I definitely have a thicker skin now than when I started. My previous chairman called it ‘strategic endurance’; I call it being dogmatic, but not so much that you aren’t prepared to change things. I’m not dwelling on the past, I’m looking ahead to a time when we’ve delivered the first stage of a great new public transport network for Edinburgh. I think the city deserves that.”

×

Subscribe

Our BQ Bulletin emails will land in your inbox at 7.30am, Monday to Friday, with a mix of the latest local business news, national news, and features to inspire you. Sign up here!

User registration

Gentile Utente,
ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei comunicati al momento della registrazione sul Sito e della compilazione dell'ordine saranno utilizzati da al fine di svolgere le operazioni da Lei richieste. I dati da Lei comunicati saranno infatti inseriti in un archivio anagrafico clienti al momento della prima registrazione sul Sito, con digitazione di un codice identificativo ed una password che dovrà essere da Lei conservata ed utilizzata per le successive operazioni

I dati forniti saranno trattati direttamente da per le seguenti finalità:
- per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo inff@mail indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è - per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo info@bqlive.co.uk indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è

Fields marked with an asterisk (*) are required

Click here to read our privacy statement