The majority who matter

The majority who matter

Christine O’Neill is chairman of Brodies, arguably Scotland’s leading law firm. While she steers a large multi-discipline practice with 78 partners, she is also an expert in constitutional law. Kenny Kemp meets her in the midst of her strategic review week.

Let’s talk about the Scottish Constitutional Question. Ahh, Yes! You tap the side of your nose and nod sagely. 18th September 2014 and all that.  A defining moment for Scotland. No doubt. So let’s speak to a Scottish lawyer at the very top of the highest tree in Scotland to unpack some of this stuff.

“As the UK, we are one of a very tiny number of countries that doesn’t have a written constitution containing rights that can be enforced against the legislator,” says Christine O’Neill, the chairman of Brodies and the only solicitor-advocate on the Scottish Government’s list of standing junior counsel.

In O’Neill’s view there should always be a place for legal challenges to improper legislative decisions - and she is a persuasive and eloquent lawyer in full flow on this subject. Despite the frenetic amount of work, there’s a remarkable sense of calm in Brodies’ Edinburgh office at Clydesdale Bank Plaza, the same office tower as Cairn Energy and another leading Scottish law firm. It is the week of Brodies’ three-year strategic review, when the 78 partners gather for a major internal pow-wow to chart the firm’s course from May next year until 2017. Preparations, papers and presentations are being fine-tuned, as only lawyers with forensic precision for meaning can affect.

Yet O’Neill,  petite and neatly turned out in grey suit jacket and trousers, steps into the Starship Enterprise conference room, and looks remarkably at ease.

Originally from Dumbarton, she studied public law and moral philosophy at Glasgow University, undertook a post graduate degree in comparative constitutional law at Harvard in Boston and describes herself as a ‘public lawyer.’ She also lectured at Edinburgh University for a momentous year in 1999 into 2000.

“This was seminal for me. It was the year of devolution and the creation of the Scottish Parliament and it was the year of the Human Rights Act. It was a really important year to be immersing yourself in the birth of Scottish public law, as a serious area of legal practice.”

Putting one of Scotland’s foremost constitutional experts to the test, there is a simple question: could we have a written constitution in Scotland – and still be a part of the UK?
“In a sense, we already have a written constitution because the Scotland Act – the devolution settlement – already provides legal limits on what the parliament and the government can do,” she explains patiently.

Indeed, the late Lord Rodger of Earlsferry described this as mini-constitution for Scotland.
“It has been a unique development for us to be able to challenge legislation in Scotland. If Scotland was to become independent, there would be no alternative to a written constitution. Not having a written constitution is a bit like smoking in a restaurant; it is socially unacceptable now. We couldn’t not have one,” she says.

How the courts would relate to this and the powers they would have remains for discussion, as is the style and length of the constitution, whether it mirrors an Arbroath Declaration, a Magna Carta or the American constitution that every school pupil can recite, or a much weightier document, also needs to be determined.

“There are lots of different models you can use and constitutional lawyers in Scotland are already debating whether it should be short and sharp and highly general, which gives more room for interpretation by the courts, or a more highly detailed document, giving greater clarity,” she says, remaining firmly on the fence about which direction she prefers.
Will it include human, civil and political rights, or encompass social, economic and environmental rights? You might be wondering why a business magazine is steering into such legalistic territory, but all of this will have an impact on the future, and serious business people should have an informed view.

“There is a suggestion from those who are in favour of independence that in the event of a ‘yes’ vote there would be a constitutional-making exercise that would involve more than lawyers. I think that’s a sensible idea,” says O’Neill.

However, for O’Neill, it is imperative that constitutional change enjoys popular consent – and that the majority buys into the settlement. She advocates the American notion of ‘civics’, which means that ordinary people understand and are informed by the constitution and its often controversial amendments.

“I like the idea of civics in schools, whether we have a written constitution or not. Not just the rules but the context for the rules and rights. It’s about going beyond the superficial,” she says.

From 2000 until the present day there has been a great deal happening in the sphere of public law. With the Scottish Parliament legislating and the mechanisms of the Scottish Government developing cephalaopodic tentacles, there was flurry of policy and therefore public law work. This gradual development has included the Freedom of Information Scotland Act, in force since 1 January 2005, which created the Scottish Information Commissioner and, in addition, the creation of the Scottish Public Service Ombudsman, who handles complaints about councils, the NHS and government agencies. This has been a bounty for Brodies and O’Neill and her team.

“We acted in the first legal challenge to a decision of the Ombudsman. We were acting for Argyll & Bute Council on a question of free personal care for the elderly. This was unique to Scotland,” she says.

In this case a judicial review was taken and Argyll & Bute was successful, but the whole issue of personal care remains a complex issue.

“We then saw the beginnings of the process of challenges to the Acts of Scottish Parliament. This is unique because in the UK context we don’t generally challenge the Westminster parliament. It’s not possible to do so because of the concept of sovereignty,” she says.
Yet, elsewhere in the world, parliaments laws can be challenged.

“There have been challenges in the fields of criminal law and mental health. This firm has been involved in the commercial side when it is likely to impact on business clients,” she adds.

Indeed, Brodies was involved in challenging legislation concerning pleural plaques, an asbestos-related lung condition which is not itself a disease and usually has no symptoms. The firm represented the insurance companies writing employers’ liability insurance. It was challenge to an Act of the Scottish Parliament which came into force in June 2009, which confirmed that pleural plaques cause personal injury and enabled actions to be raised for damages.

“This was very controversial, with strong views aroused by the challengers but pretty significant legal issues at the heart to it which needed to be resolved.”
This went to the Supreme Court in London in June 2011 and the Act was declared valid but in the process the court insisted on re-writing the rules for Scotland on who could bring such challenges.

O’Neill and her team also went to the House of Lords with the first case under FoI, challenging the release of childhood leukaemia statistics on the basis that such figures might identify children who were diagnosed with leukaemia. The outcome was the statistics were not released.

“It is essential for democracy that there are checks and balances. I have no fear of legal challenge. I don’t regard courts as undemocratic, simply because judges are unelected, that’s a fallacy. Democracy is the sum of all of its parts: the judiciary, the executive and the parliamentary legislators. You need those balancing factors. This is not a criticism but it will always be a tendency for elected politicians to look to the views of the majority. In protecting the rights of minorities, it is very important that they have a legal process that can put a stop to political action,” she says.

O’Neill acknowledges the good luck and timing to be studying her specialism of ‘civics and public law’ at such a fortuitous time. Nevertheless, her arrival at Brodies coincided with the firm’s decision to expand in the field of public law.

“It is about the law which governs what the state can do, which includes any aspect of government. I act for a lot of public authorities but I also act for commercial organisations or individuals who might be affected by government or parliamentary decisions,” she says.
“Even when I was a pretty junior lawyer, the firm was prepared to invest in that practice. That’s been immensely important to me.”

If O’Neill was a stick of Edinburgh Rock, she would have Brodies stamped right through her, such is her passion for the firm. While her specialism is public law, she stepped up to represent the whole firm as chairman earlier this year.

“In our view, we are the strongest independent Scottish law firm operating in the jurisdiction, with offices in Edinburgh, Glasgow, Aberdeen and we’re the only Scottish firm with a presence in Brussels.”

She says Brodies' aim is to be ‘best in breed’, which means being the first choice in Scotland for any sector where clients want quality legal judgement. The firm has over 560 staff with 343 legal staff and announced revenues of £46 million for the year ending April 2013, which was a 7.5% increase on the previous year.

“We like to be transparent about how things are in the firm: it’s one of the advantages of being a limited liability partnership, in that you have to go to the market every year and say how the firm is doing. We think we are in a pretty strong position and we’re pleased that we’ve managed to maintain our growth throughout a challenging period for the whole market, not just for legal services. However, it is good for Brodies that there is a healthy legal market in Scotland. We need healthy competition in the market in Scotland.”

O’Neill doesn’t want to be drawn into discussion about other law firms’ woes but puts Brodies’ progress down to the firm’s clear strategic planning process.

“We have done this for more than ten years, looking at market conditions and the economy and looking at areas where we think our clients are going to need legal services. We then plan our investment and growth for the next three years around this. We also try and stick to the plan. Of course, there will be bumps and ups and downs, but having a plan makes it easier to stick to it.”

There is flexibility but the plan is to keep the firm on a steady course. How has Brodies done so well, when others have disappeared or merged in the last five years?
“One of the things we have is diversity; we’ve never had all of our eggs in the one basket. We offer the full range of legal services and we’ve been careful not to withdraw from certain sectors that might be less fashionable.”

For example, Brodies has retained a very strong private client practice serving some of Scotland’s high net worth individuals and landed families, when other commercial firms have hived off into separate investment entities. It also has a strong commercial property practice and it has enjoyed expansion in Aberdeen.

“We spent a lot of time thinking about how we could get into the Aberdeen market. We took it slowly and carefully. We were not the first Central Belt firm to open in Aberdeen. But we think the strategy we adopted, of bringing in the highest quality people from an Aberdeen base, was fundamental to making that a success.”

The proof is in the pudding with a fast-growing presence of 54 lawyers, including 13 partners, in the city and the oil and gas practice, led by Clare Munro, who held an in-house role with a supermajor before joining Brodies. Greg May, her colleague and fellow partner in the oil and gas team, was also in-house legal counsel with an energy giant.

“Oil and gas clients need lawyers who understand their industry, and we’ve drawn from an impressive talent pool who have that in-house expertise. They also have that commercial approach too,” she says.

“In all areas, we have focused on what the market needs from us. We’ve also been disciplined financially. We don’t have bank debt and we think sound financial management is key. I used to think it was nice thing we didn’t have an overdraft; now I think it is really very important.”

This financial prudence has been instilled during a prolonged period of leadership by Bill Drummond, the formidable managing partner, who remains head of Brodies’ operational board, alongside finance director David Edwards. Drummond must take much of the credit for Brodies’ long-term stability and strategic success.

“Leadership is really important at all levels of the firm. We are pretty well organised and we have a structure that has been in place for more than a decade, where there is a strategic board,” says O’Neill.

This is chaired by O’Neill, working alongside Drummond with three other partners, elected by the other partners.

“We also expect our partners to lead by example in their practice areas, to be ambassadors for the firm and to engage with wider civic society, not just the legal profession.”

One of O’Neill’s themes is on thought leadership, which is a buzz phrase, but means that the firm is seen to be participating in debates about law reform in Scotland and beyond. It is about discussing issues which impact on clients, contributing to consultation responses to government, giving evidence in parliament on law reforms, and writing learned papers on legal or academic matters.

“From a client perspective, they have confidence that their lawyers not only understand the law but the context in which they operate. We should have lawyers who have the breadth of knowledge and perspective to contribute to these debates and not just at partner level. We have to have lawyers at every level, speaking to clients, blogging if you like, and being quoted,” she says.

It is not rent-a-quote comment for the sake of it; O’Neill says it has to be the appropriate space for speaking out.

“It is not the role of the legal profession to be trying to influence policy where you have substantive political issues. But if you can give input on the workability of a proposal, the potential unforeseen circumstances or where a legislative proposal fits into the overall scheme of the law, then that is a valued contribution.”

Brodies, like all of Scotland’s law firms, operates in a highly regulated environment and needs to ensure that it has strong safeguards in place for compliance. “These are the nuts and bolts. We have a risk management committee where we have partners and colleagues whose role is to focus on risk and compliance for the firm. This committee undertakes a huge range of work to ensure compliance and improving information security, because it is on enormously important for clients.”

Then there is the ethical heart within the firm, which she says focuses on behaviour.
“This is the culture of professionalism and good governance, which is the responsibility of all the partners. The way our partners are rewarded is not just about fee-earner revenue. It is focused on a range of behavioural qualities including leadership, a collegiate spirit and sharing work and opportunities with colleagues.”

O’Neill says the first, last and only has to be the best interest of the client. “You can’t devise legal services with a view of maximising your own revenues because the client will see through that.”

In 14 years she cannot remember a situation when she has suggested to a client that litigation is the ‘best option’.

“Litigation may be a necessary option: but litigation is almost never a good thing. Public authority clients may have no option but to defend a piece of legislation or a policy. Similarly, litigation may be something that commercial clients engage in for a range of different reasons, but I can’t think of it being a ‘good’ option.”

When O’Neill started her legal career at Brodies she was taken under the wing of David Williamson, QC. [‘He was an incredible litigator and a strong influence.’] Even today when she plucks an old file from the library with his hand-writing, she laughs because she now writes like him.

She also singles out Joyce Cullen, her predecessor as chairman, as one of her influences. [‘Joyce is the whole package; she is an incredibly clever lawyer. She has great judgement. If I was in trouble, she’s my first phone call, That’s my test.’]

“What the lawyer is there to do is provide the client with judgment. This is my mantra to younger lawyers and it was taught to me by people I respect. What  the client wants to know is, ‘What would you do – knowing about my circumstances and with the benefit of your legal knowledge?’ That’s not about advice but making a recommendation and supporting them through whatever choice they make. That’s the job in a nutshell.”

×

Subscribe

Our BQ Bulletin emails will land in your inbox at 7.30am, Monday to Friday, with a mix of the latest local business news, national news, and features to inspire you. Sign up here!

User registration

Gentile Utente,
ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei comunicati al momento della registrazione sul Sito e della compilazione dell'ordine saranno utilizzati da al fine di svolgere le operazioni da Lei richieste. I dati da Lei comunicati saranno infatti inseriti in un archivio anagrafico clienti al momento della prima registrazione sul Sito, con digitazione di un codice identificativo ed una password che dovrà essere da Lei conservata ed utilizzata per le successive operazioni

I dati forniti saranno trattati direttamente da per le seguenti finalità:
- per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo inff@mail indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è - per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo info@bqlive.co.uk indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è

Fields marked with an asterisk (*) are required

Click here to read our privacy statement