Putting the grand into York

Putting the grand into York

Undeterred by other people’s recent failures, Yorkshire-based Cedar Court Hotels aims to mark 2010 by giving York its first-ever five-star hotel. Peter Baber investigates.

To anyone outside Yorkshire, the name Cedar Court may well conjure up images of a wealthy stockbroker’s pad most likely to be found in Surrey - all gravelled driveway, Bentley cars, majestic iron gates, red brick walls, and fine views of the Epsom Downs. Those of us who are lucky enough to live in God’s own county, of course, know different. Here, Cedar Court is known for hotels which, mainly owing to the fact that all bar one of them is close to the M1 or M62, are very much geared up for business conferences and travelling sales executives.

Geared up in a nice way – all of these hotels are four star, so we should perhaps make that senior sales executives – but geared up for that market nonetheless. Not for nothing is the group’s Wakefield hotel – its first, which opened25 years ago – located next to a business park which Acropolis Hotels, Cedar Court’s parent company, also owns.

All this could be about to change, however, and the name Cedar Court could become one that oozes luxury and class, and in so doing entice more people – perhaps including our Surrey stockbroker, who of course would demand such style as a minimum – to come and visit the fair city of York. For March 2010 sees the opening of the Cedar Court Grand; the company’s first hotel venture in York, and both it and the city’s first-ever five-star hotel.

In a nutshell, it will feature 107 bedrooms, restaurant, spa with swimming pool, and meeting rooms capable of holding anything between 20 and 120 guests. More unusually, it will also include a decking area capable of holding a large marquee for that extra special wedding. All of this will be just a short walk from York railway station on a site that overlooks the city walls.

This isn’t a new build-hotel. Rather, the company has chosen to refurbish the old railway company headquarters on Station Rise, which were vacated when GNER moved out two years ago.

It’s an ambitious project, not least because the building was originally opened in 1906 as what was then the London North Eastern Railway Company’s headquarters. It is a vast, seven-storey, Grade II listed building that harks back to an age we wouldn’t recognise today.

Individual offices that are bigger than most modern living rooms are connected by barrel-vaulted corridors. Cornicing and carvings are everywhere. And because this office operated in a time when management was management, shop stewards were shop stewards, and that was that, there is an oak-panelled boardroom for the managers, an only slightly less sumptuous one for the unions in which to hold their meetings, and even a cubbyhole for the chairman of the board to have little confabulations on his own.

These are all being turned into meeting rooms. In total, Cedar Court has spent upwards of £20m on the project. Just as an example of the work that this has involved, the hotel’s spa will be located in the building’s basement, where the company used to have its vaults.

You can still make out the large steel doors. And because even back then company largesse did not stretch to having a company swimming pool, Cedar Court has had to carve one out of the floor. John Horvath, Cedar Court’s group manager, says the opening of the hotel is a natural progression for the group.

“The corporate conference market has always been part of our strategy,” he says. “But the leisure market in the local region is the second part. We already own a hotel in the centre of Harrogate.” Cedar Court was founded by George Demetriou, who came to the UK from his native Greece in the 1950s and first opened the café business which went on to make his name in Halifax.

His first hotel may have been in Wakefield, but Horvath says Demetriou has had a relationship with York going back 40 years, having operated coffee shops, banqueting houses and restaurants in the city during that time. “He has had a passion to have a quality hotel in the city,” says Horvath, “and has been looking for a site in York for quite a few years. When the building became available it was the obvious choice.” But this is, it has to be said, a high-risk time to be opening a glitzy hotel, particularly in Yorkshire. Other luxury hotel groups in the region – think for, example, of the Tomahawk Group, which in the past five years has opened or converted hotels in Leeds, Bradford and Sheffield – have spent the past year making sure of what they have. In fact, on a wider scale you could question whether the effort of opening such a large hotel and making sure it is five star is really worth it.

In the past few years it has been boutique hotels that have done much of the running in the industry. There are plenty of those in York – you could even include among them Hotel du Vin, which only opened in 2008. Many of them don’t bother with going through the star grading process, safe in the knowledge that their customers know they can rely on them for the quality they require. Then the grading system itself, which in the end is down to the whims of a group of AA judges, can be fickle.

Oulton Hall, which used to be Yorkshire’s only five-star hotel, was downgraded last year. Most of all, the most immediate experience of someone opening a luxury hotel in Yorkshire has been nothing short of disastrous. In 2008 another experienced hotelier, David Pantin, came to Leeds with grand plans to open two top quality hotels and a bar in the city, making it the base for what he hoped would soon become a hotel empire.

He even wheeled in Albert Roux to support him. But the first hotel, the Ellington, lasted just a few months, as did the bar, Floridita. The second hotel never got off the ground, and Pantin has since retired back to a manor house in Gloucestershire to become a hotel consultant.

You could sense the tension surrounding the Cedar Court project in the middle of last year when Demetriou made a rare public foray to attack the city council for its plans to expand the particularly hideous civic offices next door to the hotel to create a new council headquarters.

At the time he claimed the office expansion could undermine the hotel project entirely, as it would obstruct its views. That may, however, have been bluster: even though the council’s plans are still very much on track, renovation at the hotel is now well underway with everything on course for a March opening.

Horvath says he is not at all worried about comparisons with Pantin’s experience, mainly because he says comparing Leeds to York is like “comparing Debenhams with Harvey Nichols”. Certainly, Andrew Coney, the man Cedar Court appointed in September to be general manager of the hotel, says he would not have been interested in the job if the hotel had been in Leeds.

“A lot of people – including me – are surprised that York doesn’t already have a five-star hotel,” he says. “Leeds is over-supplied with hotel bedrooms and has different market conditions,” says Horvath. “If Pantin had done what he did to the Queen’s Hotel, say, instead of to a site down a side street, it might have worked.

Location is what matters.” 25 years ago – located next to a business park which Acropolis Hotels, Cedar Court’s parent company, also owns. All this could be about to change, however, and the name Cedar Court could become one that oozes luxury and class, and in so doing entice more people – perhaps including our Surrey stockbroker, who of course would demand such style as a minimum – to come and visit the fair city of York.

For March 2010 sees the opening of the Cedar Court Grand; the company’s first hotel venture in York, and both it and the city’s first-ever five-star hotel. In a nutshell, it will feature 107 bedrooms, restaurant, spa with swimming pool, and meeting rooms capable of holding anything between 20 and 120 guests.

More unusually, it will also include a decking area capable of holding a large marquee for that extra special wedding. All of this will be just a short walk from York railway station on a site that overlooks the city walls. This isn’t a new build-hotel.

Rather, the company has chosen to refurbish the old railway company headquarters on Station Rise, which were vacated when GNER moved out two years ago.

It’s an ambitious project, not least because the building was originally opened in 1906 as what was then the London North Eastern Railway Company’s headquarters. It is a vast, seven-storey, Grade II listed building that harks back to an age we wouldn’t recognise today.

Individual offices that are bigger than most modern living rooms are connected by barrel-vaulted corridors. Cornicing and carvings are everywhere. And because this office operated in a time when management was management, shop stewards were shop stewards, and that was that, there is an oak-panelled boardroom for the managers, an only slightly less sumptuous one for the unions in which to hold their meetings, and even a cubbyhole for the chairman of the board to have little confabulations on his own.

These are all being turned into meeting rooms. In total, Cedar Court has spent upwards of £20m on the project. Just as an example of the work that this has involved, the hotel’s spa will be located in the building’s basement, where the company used to have its vaults. You can still make out the large steel doors. And because even back then company largesse did not stretch to having a company swimming pool, Cedar Court has had to carve one out of the floor. John Horvath, Cedar Court’s group manager, says the opening of the hotel is a natural progression for the group.

“The corporate conference market has always been part of our strategy,” he says. “But the leisure market in the local region is the second part. We already own a hotel in the centre of Harrogate.” Cedar Court was founded by George Demetriou, who came to the UK from his native Greece in the 1950s and first opened the café business which went on to make his name in Halifax.

His first hotel may have been in Wakefield, but Horvath says Demetriou has had a relationship with York going back 40 years, having operated coffee shops, banqueting houses and restaurants in the city during that time.

“He has had a passion to have a quality hotel in the city,” says Horvath, “and has been looking for a site in York for quite a few years.

When the building became available it was the obvious choice.” But this is, it has to be said, a high-risk time to be opening a glitzy hotel, particularly in Yorkshire.

Other luxury hotel groups in the region – think for, example, of the Tomahawk Group, which in the past five years has opened or converted hotels in Leeds, Bradford and Sheffield – have spent the past year making sure of what they have. In fact, on a wider scale you could question whether the effort of opening such a large hotel and making sure it is five star is really worth it. In the past few years it has been boutique hotels that have done much of the running in the industry. There are plenty of those in York – you could even include among them Hotel du Vin, which only opened in 2008.

Many of them don’t bother with going through the star grading process, safe in the knowledge that their customers know they can rely on them for the quality they require. Then the grading system itself, which in the end is down to the whims of a group of AA judges, can be fickle. Oulton Hall, which used to be Yorkshire’s only five-star hotel, was downgraded last year.

Most of all, the most immediate experience of someone opening a luxury hotel in Yorkshire has been nothing short of disastrous. In 2008 another experienced hotelier, David Pantin, came to Leeds with grand plans to open two top quality hotels and a bar in the city, making it the base for what he hoped would soon become a hotel empire. He even wheeled in Albert Roux to support him.

But the first hotel, the Ellington, lasted just a few months, as did the bar, Floridita. The second hotel never got off the ground, and Pantin has since retired back to a manor house in Gloucestershire to become a hotel consultant.

You could sense the tension surrounding the Cedar Court project in the middle of last year when Demetriou made a rare public foray to attack the city council for its plans to expand the particularly hideous civic offices next door to the hotel to create a new council headquarters. At the time he claimed the office expansion could undermine the hotel project entirely, as it would obstruct its views.

That may, however, have been bluster: even though the council’s plans are still very much on track, renovation at the hotel is now well underway with everything on course for a March opening. Horvath says he is not at all worried about comparisons with Pantin’s experience, mainly because he says comparing Leeds to York is like “comparing Debenhams with Harvey Nichols”.

Certainly, Andrew Coney, the man Cedar Court appointed in September to be general manager of the hotel, says he would not have been interested in the job if the hotel had been in Leeds. “A lot of people – including me – are surprised that York doesn’t already have a five-star hotel,” he says. “Leeds is over-supplied with hotel bedrooms and has different market conditions,” says Horvath.

“If Pantin had done what he did to the Queen’s Hotel, say, instead of to a site down a side street, it might have worked. Location is what matters.” Both men stress the importance of the new hotel to the York economy. This is not just because of the number of people it will employ (yet to be decided, as they were just recruiting an HR manager as BQ went to press), but also because of York’s position as the third most visited city in the UK after London and Edinburgh.

“Look at how York has evolved in recent years,” says Coney. “Look at the shops, the cultural side, the strength of Visit York. There is a lot behind us to make this work. I do see Americans coming. We are part of a route to Scotland, and there are a lot of operators out of the States and the Far East that see that the UK isn’t just London any more.

When anyone is talking about coming to Yorkshire York is a must do, so to not have a hotel in the top tier means we are missing some opportunities.” Originally from Kent, Coney has considerable experience in the hotel industry, having been manager of both the Waldorf in London and Slaley Hall in Northumberland.

In fact, some ten years ago or so, Caterer & Hotelkeeper picked him as one of their “Acorns” – people in the industry under the age of 30 who the magazine reckoned were bound to make their mark in the future.

Other past Acorns have included Gordon Ramsay. This is the first complete renovation of a hotel Coney has managed. “I did reopen the Cavendish in London,” he says, “although it had already existed. It had been acquired by a new owner, and had gone through a complete rebranding. It’s when you can have your own impact in a significant way, rather than just putting in a new menu here and new standards there, that it is more rewarding.” Although he had heard of Cedar Court before, he wasn’t totally familiar with the brand.

“But when someone tells you there is a five-star hotel opening in the UK, that is quite a novelty.” He is firmly committed to the star rating, and is working with the AA to make sure the hotel gets its five stars. “There are two strands to this,” he says. “One is ticking boxes on equipment and fittings. So, for example, does the chair of the desk have arms? To be five star it needs to. There are also aspects of quality, and that is something they come and mystery shop for. What is critical for us is that you have things you won’t see in many other hotels, such as a doorman all the time, and bags taken as soon as you arrive.”

Other five-star features include a butler with his own mini-kitchen on every floor – so your breakfast in bed really will be freshly made, not hauled up the lifts. And those lucky enough to afford the penthouse suite when they go for a shopping trip in York can ring ahead to order a bath from the bath menu. This will be waiting for them to sink into as soon as they arrive back. Coney is not troubled by the rise of the boutique hotels either. The Grand, he says, is serving a different market.

“Just look at the name of the hotel,” he says. “The Grand. You are harking back to a time - probably when the building was first put up – when first class rail travel was something you aspired to do. Boutique is one side, but doing things with a little bit of extravagance and theatre is quite aspirational. To come to a hotel and ring home and say, ‘we have a butler’ brings glamour back into the arena.” The same applies, he says, to the hotel restaurant, which he wants very much to be a destination, even if you aren’t staying at the hotel.

“I would like people to start saying: ‘We tried to get into Sunday lunch at the Grand but it was full’,” he says. Which makes it all the more remarkable that, although Coney has firm ideas on what kind of food the restaurant will be serving – locally sourced, obviously – Cedar Court has not yet got round to appointing a head chef.

Horvath says this is not unusual, because of the time of year. “Head chefs are quite a loyal lot and they like to get through Christmas first, before thinking of a new job,” he says. “And we do have a group executive chef operating behind the scenes.” The group is just getting around to putting an advert together now – along with one for the HR manager and a head of sales.

“We are looking for a minimum of two rosettes,” says Horvath. Whoever is appointed, he or she will be part of a team that will deliver York an experience that, good or bad, is sure to be talked about for years to come. But don’t just take my word for it. What does someone who used to work in the building think of the transformation? Shaun Mills was finance director of GNER in its final days. Mills, who has now moved on to be chief executive of a German transport firm, says that it was certainly the grandest office he ever worked in – but it was also a very inefficient one.

“It was like a greenhouse in summer, because there was no air conditioning, and freezing in winter when the windows rattled,” he says. “My secretary was in an office across the corridor from me, too.” Mills never used the boardrooms – by the time he worked there the building was being shared with Network Rail and it had the privilege of doing so – public sector getting the best deal again, you might say. But he does remember being grouped around the elegant staircase for management photo calls.

“The building was steeped in railway history,” he says. “In fact, I think it will be much better off as a hotel and even though I have a place in York of my own I might now be tempted to stay there.”

×

Subscribe

Our BQ Bulletin emails will land in your inbox at 7.30am, Monday to Friday, with a mix of the latest local business news, national news, and features to inspire you. Sign up here!

User registration

Gentile Utente,
ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 recante disposizioni a tutela delle persone e degli altri soggetti trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei comunicati al momento della registrazione sul Sito e della compilazione dell'ordine saranno utilizzati da al fine di svolgere le operazioni da Lei richieste. I dati da Lei comunicati saranno infatti inseriti in un archivio anagrafico clienti al momento della prima registrazione sul Sito, con digitazione di un codice identificativo ed una password che dovrà essere da Lei conservata ed utilizzata per le successive operazioni

I dati forniti saranno trattati direttamente da per le seguenti finalità:
- per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo inff@mail indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è - per l'elaborazione e trasmissione delle comunicazioni previste dalle condizioni del contratto;
- per l'invio di fatture commerciali

In merito alle modalità di trattamento, si precisa che gli indicati trattamenti potranno essere eseguiti soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati da usando supporti cartacei o informatici e/o telematici. In ogni caso il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità con la disciplina vigente. I dati conferiti non saranno oggetto di diffusione a terzi, salvo per la gestione stessa dei dati da parte di soggetti specializzati ed incaricati da .
In ottemperanza alla suddetta Normativa, di seguito riepiloghiamo le metodologie applicate per il trattamento dei dati da parte della nostra Società che implicano raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati in nostro possesso e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
Marketing e Strategie Commerciali: elaborazione dei dati da Lei forniti e di quelli desunti dalle Sue navigazioni in rete allo scopo di definire delle statistiche inerenti gli interessi da Lei manifestati nei confronti dei Prodotti e Servizi offerti da per finalità di marketing e/o attività promozionali in genere;
Gestione amministrativa: raccolta, conservazione ed elaborazione dei dati per scopi amministrativo - contabili, compresa l'eventuale trasmissione per posta elettronica di informative e/o fatture commerciali;
In particolare, per quanto concerne, le modalità del trattamento dei dati, gradiamo comunicare che tutti i dati sono conservati in un apposito archivio tenuto sotto costante controllo e continuo aggiornamento da parte di personale adeguatamente formato. Inoltre è stata redatta una procedura operativa interna (Documento Programmatico Sulla Sicurezza - DPSS). In tale documento viene definito più nel dettaglio il metodo utilizzato per l'applicazione di adeguate misure di sicurezza per la protezione e la riservatezza dei dati. Per completezza, desideriamo infornarla che il conferimento dei dati personali è necessario nella misura in cui essi sono utilizzati per l'esecuzione da parte della nostra Società di obblighi contrattuali e/o di legge.
Dati di navigazione Il sito web raccoglie informazioni tecniche relative all'hardware e al software utilizzati dai visitatori, autonomamente attraverso l'ausilio di strumenti per l'analisi dei file di collegamento. Tali informazioni riguardano:

- indirizzo IP
- tipo di browser
- Internet service provider
- sistema operativo
- nome di dominio e indirizzi di siti Web dai quali ha effettuato l'accesso o l'uscita (referring/exit pages)
- informazioni sulle pagine visitate dai lettori all'interno del sito
- orario d'accesso
- permanenza sulla singola pagina
- analisi di percorso interno (clickstream)
- risoluzione video
- tipo di connessione
- nazione da cui l'utente si collega
- presenza di plugin java installati

Tali informazioni non forniscono dati personali del lettore, ma solo dati di carattere tecnico/informatico che sono raccolti ed utilizzati in maniera aggregata ed anonima al solo scopo di migliorare la qualità del servizio e fornire statistiche concernenti l'uso del sito, suddetti dati vengono cancellati subito dopo l'elaborazione.
Registrazione
Nell'ambito del processo di registrazione, il lettore è tenuto a scegliere una propria user ID ed una password. Inoltre il lettore è tenuto a fornire specifiche informazioni che dovranno essere corrette ed aggiornate. Il lettore non può scegliere la user ID di un'altra persona con l'intento di utilizzarne l'identità. Inoltre non può utilizzare la user ID di un'altra persona senza la sua espressa autorizzazione. E' inoltre vietato l'uso di user ID che l'editore, discrezionalmente, riterrà lesivi di diritti di terzi, o comunque offensivi o scurrili. La password scelta dai lettori al momento della registrazione ai servizi e inserita nel relativo modulo o form di registrazione è personale e non può essere ceduta. I lettori sono tenuti a custodire con la massima diligenza e a mantenere riservata la password al fine di prevenire l'utilizzo del servizio da parte di terzi non autorizzati. Essi saranno pertanto responsabili di qualsiasi utilizzo, compiuto da terzi autorizzati o non autorizzati, dei suddetti identificativi nonchè di qualsiasi danno arrecato al titolare del blog, all'editore e/o a terzi, in dipendenza della mancata osservanza di quanto sopra.
Il lettore non può inviare, distribuire o in ogni modo pubblicare negli spazi abilitati a tale scopo contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo, o a qualsiasi titolo illegale.
Il lettore si impegna a non assumere atteggiamenti violenti o ad aggredire verbalmente gli altri lettori, astenendosi dall'utilizzo di termini calunniosi, e a non interrompere intenzionalmente le discussioni con messaggi ripetitivi, con messaggi privi di significato o con azioni finalizzate alla vendita di prodotti o servizi.
Il lettore si impegna ad utilizzare un linguaggio rispettoso, tenendo conto che la comunità cresce solo se i suoi membri si sentono ben accetti e rispettati. Il lettore si impegna a non utilizzare termini violenti o che discriminino sulla base della razza, religione, genere, inclinazioni sessuali, disabilità fisiche o mentali e altro. L'uso di linguaggio violento sarà motivo per la sospensione immediata e per l'espulsione definita a tutti o a parte dei servizi del sito.

Accedendo al sito e ai relativi servizi, il lettore si obbliga a:
a.non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali
b.non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso o in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
c.non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale che in qualche modo possa creare pregiudizio in ogni sua forma;
d.non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza).
e.non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto dell'editore.

Il mancato rispetto di queste regole comporta la violazione di queste condizioni generali di utilizzo e può determinare l'immediato annullamento dell'account del soggetto autore della violazione. In caso di effettivo o potenziale utilizzo non autorizzato del proprio account, il lettore è invitato a segnalarlo, fornendo ogni dettagliata notizia in merito alla violazione, e dando comunicazione di perdita, sottrazione non autorizzata, furto, della propria password e delle proprie informazioni personali. Il lettore è consapevole che deve avere compiuto i 18 anni di età per iscriversi al servizio, anche se persone di ogni età possono accedere allo stesso. I minori di anni 18 devono essere assistiti ed autorizzati dagli esercenti la potestà di genitore. Il lettore è pienamente responsabile per ogni azione intrapresa attraverso il suo account, sia direttamente sia attraverso terzi da lui autorizzati. Ogni utilizzo abusivo, fraudolento o in ogni caso illegale è causa dell'immediato annullamento dell'account, ad insindacabile giudizio dell'editore o del gestore del sito, fermo restando l'esercizio di ogni azione legale da parte degli aventi diritto.
Con l'accettazione della presente il lettore dichiara la veridicità di tutte le dichiarazioni rese in fase d'iscrizione al sito.
La informiamo, inoltre, che ogni interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003: In relazione al trattamento di dati personali:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti previsti all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 e sopra riassunti l'utente dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a


Rimozione
Se non desiderate essere contattati in futuro, potete chiederlo collegandoVi o inviando una mail all'indirizzo info@bqlive.co.uk indicando l'indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella vostra disponibilità) e/o fax di cui volete l'esclusione.

Titolare del trattamento dei dati è

Fields marked with an asterisk (*) are required

Click here to read our privacy statement